Last Update 5/03/2007
Home | Contatti | Lingua
 
TECA S.p.a.
TECA S.p.a.

Via 4 Piccoli Martiri, 3
25040 Cividate Camuno
(BS) Italy
P.Iva 00691310981

TEL. ++39 (0)364 342001
FAX ++39 (0)364 344676
Email: info@teca.net


PRODOTTI - AUDIO - ALIMENTAZIONE AUDIO


 


Trasformatori toroidali di alimentazione per applicazioni audio.
 


Il trasformatore toroidale di alimentazione per applicazioni audio ,in primo luogo, deve trasferire al carico (per esempio un amplificatore) la piena potenza senza introdurre limitazioni che porterebbero necessariamente a una diminuzione delle prestazioni dell’impianto in termini di potenza erogata.
I trasformatori di alimentazione audio TECA, trasferiscono tutta la potenza all’apparecchiatura suddividendola nelle tensioni richieste dalle diverse applicazioni senza limitazioni anche dopo ore di servizio continuo.
E’ grazie ad un’attenta analisi dell’applicazione del trasformatore, già in fase di progetto, in modo da sfruttare tutta l’esperienza, le conoscenze tecniche e i test di laboratorio, che si realizza un prodotto che soddisfa pienamente le esigenze del Cliente.
Di fondamentale importanza è la cura riposta nell’isolamento galvanico per separare il più possibile l’alimentazione di rete dall’apparecchiatura utilizzatrice. Infatti la tensione di rete presenta degli sbalzi anche importanti e il trasformatore di alimentazione deve impedire a questi pericolosi spike di tensione di danneggiare l’apparecchiatura.
Si può ulteriormente aumentare tale isolamento, inserendo tra il circuito primario e il secondario uno schermo elettrostatico (che una volta collegato a terra disaccoppia gli stadi di ingresso e di uscita) , in tal modo si realizza anche un primo filtro nei riguardi del carico stabilizzando la tensione di rete.
Elevati valori di flusso magnetico si registrano con trasformatori di alimentazione audio di elevata potenza, e conseguentemente la non perfetta canalizzazione di quest’ultimo comporta un’emissione di onde elettromagnetiche che disturbando il segnale introducono distorsioni che compromettono la precisione dell’intero impianto.
Per ridurre drasticamente i disturbi magnetici, la TECA agisce su più livelli: in fase di progettazione sul dimensionamento di nucleo, spire e disposizione degli avvolgimenti riducendo al minimo il valore di tali emissioni. In fase di produzione disponendo le spire in modo da canalizzare il campo magnetico all’interno del nucleo. Infine applicando particolari schermature ad anello sulla circonferenza del trasformatore e a disco nella parte superiore del trasformatore stesso.
Quest’ultimo accorgimento, in particolare, uniforma e concatena internamente al trasformatore l’eventuale emissione elettromagnetica residua, evitando di avere punti nel trasformatore in cui il flusso emesso abbia valori magnetici maggiori con disturbi direzionali verso il resto dell’impianto.Altra fonte di disturbi piuttosto fastidiosa soprattutto per sistemi ad alta fedeltà è il ronzio introdotto dal trasformatore. Le sorgenti di rumore in un trasformatore sono principalmente di tipo “elettromeccanico” a livello microscopico dovuto all’orientamento dei domini di Weiss e “meccanico” a livello macroscopico dovuto alla vibrazione delle lamine che costituiscono il nucleo.
Il nucleo costituito da materiale ferromagnetico è suddiviso in regioni, dette domini di Weiss delimitate dalle pareti di Bloch, il cui volume è dell’ordine di (10-3-10)mm2. Dentro queste regioni esiste un campo magnetico molecolare molto intenso che provoca l’allineamento permanente di tutti i dipoli magnetici molecolari in una data direzione e una magnetizzazione spontanea del materiale che non viene disturbata dall’agitazione termica (almeno al di sotto della temperatura di Curie pari a circa 750°C per il materiale in questione). Poiché ognuna di queste regioni è magnetizzata in una direzione casuale, in assenza di campo magnetico esterno, il materiale non mostra una magnetizzazione macroscopica propria. Applicando un campo magnetico esterno, i domini di Weiss tendono a ruotare in modo che il relativo dipolo magnetico si orienti nella direzione del campo esterno.
Nel caso dei trasformatori d’alimentazione, applicazione di un campo esterno variabile determinato dalla corrente alternata (50Hz) provoca un continuo riallineamento dei domini di Weiss, con un attrito lungo le pareti di Bloch che dà origine a un fruscio di fondo. L’effetto della rotazione dei domini di Weiss è noto anche come magnetizzazione a scatti (ogni scatto corrisponde all’orientazione di un singolo dominio) o effetto Barkhausen, questo tipo di rumore non può ovviamente essere eliminato perché è da ricondursi alle proprietà microscopiche della materia.
Teca producendo direttamente i nuclei su cui vengono avvolti i propri trasformatori, opera delle selezioni attente sui materiali magnetici utilizzando materiali ad alta permeabilità, a grani orientati, lavorati al laser o con leghe speciali che consentono di ridurre sensibilmente tale rumore.
A livello macroscopico, il nucleo è generalmente costituito da un lamierino dello spessore di 0.3mm avvolto su se stesso fino a raggiungere le dimensioni stabilite. Ovviamente, l’avvolgimento del nucleo lascia degli strati di aria tra giri successivi di lamierino. Quindi, a causa della dilatazione termica e del passaggio della corrente, la conformazione geometrica e meccanica sul nucleo subisce delle modifiche e i diversi strati di lamierino possono vibrare tra loro dando origine ad un ronzio.
Le nostre avvolgitrici di nuclei, tecnologicamente avanzate, unite all’esperienza e a cognizioni tecniche all’avanguardia ci consentono di realizzare nuclei con fattori di stipamento superiori al 98% riducendo drasticamente sia l’ intensità che la frequenza di questo rumore, inoltre soluzioni di impregnazione e resinatura del nucleo bloccano completamente i diversi strati di lamierino annullando qualsiasi vibrazione.
Un’altra caratteristica importante dei trasformatori di alimentazione audio TECA è la completa adattabilità alle esigenze del cliente. La progettazione e la realizzazione dei trasformatori sono full-custom sia per quanto riguarda le dimensioni, la scelta di tensioni e correnti del primario e del secondario, sia per la scelta del cablaggio (lunghezza e colore dei fili, contatti e connettori, ecc.).
La qualità dei trasformatori TECA viene verificata a più livelli. Ogni fase di realizzazione viene controllata: tensioni, sezioni e numero di spire vengono monitorati alla fine di ogni avvolgimento. A campionatura, i trasformatori finiti, vengono testati in Laboratorio per controllare che le emissioni elettromagnetiche siano contenute entro le tolleranze stabilite dal Cliente, si misura l’induttanza dispersa media sull’intero trasformatore e l’induttanza punto per punto per stabilire la presenza di eventuali punti di massimo. Ogni pezzo, terminata la realizzazione, viene collaudato (100% della produzione) da macchine automatiche per verificare resistenze, tensioni e correnti, eseguendo prove di sicurezza con la verifica della presenza di spire in cortocircuito latente , tenuta dielettrica degli strati di isolamento e l’induttanza dispersa del trasformatore a frequenze differenti (100Hz, 1kHz, 10kHz, 100kHz).
In tal modo per ogni trasformatore prodotto vengono certificate le prestazioni elettromagnetiche e il grado di sicurezza garantito.

  Copyrights TECA S.p.a.
powered by gfstudio
Home | Azienda | Innovazione | Prodotti | Contatti | Offerte